Commercio dell’avorio, l’Ue apre la consultazione: le associazioni si appellano ai cittadini per fermare il bracconaggio sugli elefanti
C

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

“Non perdete l’occasione di dire “basta” alla commercializzazione dell’avorio e all’uccisione degli elefanti”. E’ l’appello ai cittadini italiani lanciato dalla Lega italiana per la difesa degli animali e dell’ambiente presidente l’on. Michela Vittoria Brambilla, dalla cooperativa sociale Eliante e dalla startup Green Impact in occasione della consultazione pubblica avviata dall’Unione europea il 28 gennaio, e aperta fino al 25 febbraio, sul progetto di regolamento “Commercio di specie selvatiche – Allineamento delle norme Ue alle ultime decisioni adottate nell’ambito della convenzione CITES e modifiche delle norme Ue sul commercio dell’avorio”.

“Il progetto – spiegano i firmatari della nota – introduce restrizioni limitate, sul commercio dei manufatti antichi e sugli strumenti musicali, ma non chiude lo spazio europeo al vergognoso traffico delle zanne che, passando per il nostro continente, arriva nei paesi del sud-est asiatico per lavorare l’avorio. Stati Uniti, Cina, Singapore, Israele e molti altri Stati hanno già approvato norme nazionali di proibizione stringente al commercio dell’avorio. Invece l’Ue, dopo quattro anni di negoziato, non ne ha ancora adottata una. Ogni anno 20 mila elefanti vengono uccisi in Africa per le loro zanne di avorio. Noi non vogliamo essere complici. E pensiamo che non lo vogliano neanche gli italiani”.

Dire la propria è semplice: basta connettersi al link https://ec.europa.eu/info/law/better-regulation/have-your-say/initiatives/12866-Wildlife-trade-alignment-of-EU-rules-with-recent-decisions-taken-under-the-CITES-convention-and-changes-to-EU-ivory-trade-rules/addFeedback?p_id=19407127, registrarsi e scrivere nel riquadro della consultazione: “Ci aspettiamo subito una normativa europea che metta fine al commercio di avorio senza eccezioni, abbiamo il dovere di proteggere gli elefanti”. “Unisciti a noi – conclude la nota – dedica agli elefanti due minuti del tuo tempo. Ricordati di farlo entro il 25 febbraio”.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.