Giornata mondiale delle Zone Umide, un patrimonio che rischia l’estinzione in Europa
G

La striscia

Stagni, paludi, torbiere, bacini naturali e artificiali  con acqua stagnante, sono alcune delle principali tipologie delle zone umide come definite dalla Convenzione di Ramsar (Iran) stipulata il 2 febbraio 1971 e che compie 50 anni.  Il 2 febbraio è, infatti,  la  giornata mondiale delle “zone umide” istituita dall’ONU con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica per la difesa e la valorizzazione di queste aree fortemente a rischio. Due terzi delle zone umide d’Europa sono scomparse negli ultimi cinquanta anni, molte altre sono degradate.

OSPITANO IL 40% DELLA BIODIVERSITÀ TOTALE – Lo scopo della Convenzione è di preservare questi ambienti che ospitano una ampia biodiversità sia vegetale che animale, il 40% del totale,  e che accolgono microclimi ed ecosistemi spesso molto fragili ed hanno anche una funzione mitigatrice dei mutamenti climatici avendo un’alta capacità di immagazzinare anidride carbonica. 

SONO PREZIOSE ALLEATE PER CONTRASTARE I CAMBIAMENTI DEL CLIMA – “Le zone umide, oltre ad avere una  notevole ricchezza in termini di biodiversità, svolgono anche fondamentali funzioni di contrasto rispetto ai cambiamenti del clima  – commenta il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri –  pensiamo, ad esempio,  alla loro capacità di contenere, ad esempio, l’erosione degli ambienti costieri rispetto all’aumentare dei fenomeni metereologici estremi. Da qui la necessità di una loro salvaguardia attraverso una loro corretta fruizione e valorizzazione”.

FLASH

Le ultime

Quarta ondata di caldo, le previsioni per le prossime ore

In questa seconda parte della settimana si sta facendo strada sull’Italia una massa d’aria rovente associata, come sempre, dall’anticiclone...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.