Giornata mondiale delle Zone Umide, un patrimonio che rischia l’estinzione in Europa
G

I più letti

Il vino, il made in Italy e la nuova agricoltura: intervista al Sottosegretario Gianmarco Centinaio

Il registro nazionale dei paesaggi rurali storici conta attualmente 25 tra i più significativi luoghi d’Italia dove nei secoli...

Stagni, paludi, torbiere, bacini naturali e artificiali  con acqua stagnante, sono alcune delle principali tipologie delle zone umide come definite dalla Convenzione di Ramsar (Iran) stipulata il 2 febbraio 1971 e che compie 50 anni.  Il 2 febbraio è, infatti,  la  giornata mondiale delle “zone umide” istituita dall’ONU con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica per la difesa e la valorizzazione di queste aree fortemente a rischio. Due terzi delle zone umide d’Europa sono scomparse negli ultimi cinquanta anni, molte altre sono degradate.

OSPITANO IL 40% DELLA BIODIVERSITÀ TOTALE – Lo scopo della Convenzione è di preservare questi ambienti che ospitano una ampia biodiversità sia vegetale che animale, il 40% del totale,  e che accolgono microclimi ed ecosistemi spesso molto fragili ed hanno anche una funzione mitigatrice dei mutamenti climatici avendo un’alta capacità di immagazzinare anidride carbonica. 

SONO PREZIOSE ALLEATE PER CONTRASTARE I CAMBIAMENTI DEL CLIMA – “Le zone umide, oltre ad avere una  notevole ricchezza in termini di biodiversità, svolgono anche fondamentali funzioni di contrasto rispetto ai cambiamenti del clima  – commenta il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri –  pensiamo, ad esempio,  alla loro capacità di contenere, ad esempio, l’erosione degli ambienti costieri rispetto all’aumentare dei fenomeni metereologici estremi. Da qui la necessità di una loro salvaguardia attraverso una loro corretta fruizione e valorizzazione”.

Le ultime

Il vino, il made in Italy e la nuova agricoltura: intervista al Sottosegretario Gianmarco Centinaio

Il registro nazionale dei paesaggi rurali storici conta attualmente 25 tra i più significativi luoghi d’Italia dove nei secoli...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.