Parco Alpi Cozie, Legambiente: “Ci chiediamo se il Presidente sia adatto a ricoprire il ruolo”
P

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta mostrano in un comunicato stampa tutte le loro critiche e le loro perplessità sulle dichiarazioni del Presidente Deidier sul progetto WolfAlps. Sostengono inoltre che la protezione del lupo e i programmi dell’Unione Europea per favorirne la tutela e la convivenza con l’uomo sono solo la punta dell’iceberg delle polemiche odierne. 

“Le politiche di protezione della natura e le attività economiche possono convivere armoniosamente e con reciproco vantaggio se si garantiscono azioni e metodi che indichino soluzioni e azioni equilibrate. A questo lavoro son preposti i Parchi in una visione moderna che vede la conservazione della natura anche come opportunità di sviluppo sostenibile dei territori abitati.

Esattamente il contrario di quanto sta facendo il Parco Alpi Cozie o almeno il suo Presidente che, attraverso una raffica di dichiarazioni, interviste e lettere inappropriate, nel giro di poche settimane è riuscito a «incendiare la prateria» alimentando un conflitto ingiustificato – almeno nei toni e nei modi – tra le esigenze di tutela ambientale e gli interessi di alcune categorie economiche e gruppi di cacciatori.

Ci chiediamo se il profluvio di inaccettabili esternazioni del Presidente Deidier sul progetto Wolfalps rappresentino l’orientamento dell’intera Comunità del Parco e del CdA – dichiara Giorgio Prino, Presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta – Ci chiediamo se le azioni e i comportanti divisivi messi in atto siano consoni all’azione di un Presidente di Parco, se rispettino le leggi regionali e nazionali e i programmi Europei.

Ci chiediamo se di fronte a questo insensato psicodramma l’Assessorato regionale competente e il Ministero dell’Ambiente non debbano intervenire per riportare il dibattito sul terreno del confronto civile e razionale e, soprattutto, nell’alveo della legge e dei programmi esistenti, leggi e programmi che tutti, a cominciare dal Parco, devono perseguire.

Ci chiediamo infine se il Presidente Deidier possa continuare a occupare la posizione di presidenza o se non sarebbe bene indicare una diversa figura in grado di garantire l’equilibrato esercizio di compiti di indirizzo per la valorizzazione dell’immenso patrimonio naturalistico del Parco e delle opportunità di tutela e sviluppo che rappresenta”.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.