Indica sativa: i mille mondi del pianeta canapa
I

La striscia disallineata

Benessere degli animali. Questa “certificazione volontaria”inganna il consumatore e danneggia l’allevatore onesto

Due Ministri, Speranza e Patuanelli: una promessa tradita. Il Coordinamento unitario delle Associazioni animaliste, compresa Legambiente, Confconsumatori e Ciwf...

Pubble, al via la nuova video-rubrica: “Il volto del mondo è il risultato dei complotti della storia”

Pubble l'imbannabile, seguitissima vignettista di satira che si occupa di politica e società utilizzando i social network per comunicare...

Bologna, 21 maggio 2018 – E’ appena terminata, all’Unipol Arena, Indica Sativa Trade ricca anche quest’anno di interessanti appuntamenti per quanti vogliano scoprire le numerose occasioni di business offerte dal pianeta canapa. Tra questi segnaliamo la conferenza tenuta sabato 19 maggio “LA PRODUZIONE DI CANNABIS LIGHT – Regole e proposte di autoregolamentazione”, dedicata alla coltivazione della canapa in Italia alla quale hanno partecipato i dirigenti nazionali di ConfAgricoltura, Cia, FederCanapa, Assocanapa e Coldiretti. L’ appuntamento principale di ieri invece è stato il dibattito “Cannabis terapeutica: il farmaco introvabile”: discussione e approfondimento sulla difficoltà dei pazienti a reperire il farmaco a causa della insufficiente produzione di cannabis terapeutica da parte dello stabilimento chimico militare di Firenze e la contemporanea indisponibilità dei prodotti d’importazione dall’Olanda.
Per gli appassionati del naturale e degli animali sempre ieri interessante la conferenza: “Il fitocomplesso della canapa e la sua applicazione anche in ambito veterinario” con l’intervento di Paola Frola, autrice del libro “Il fitocomplesso della canapa”, e la Dott.ssa Elena Battaglia, veterinaria che usa il fitocomplesso nella pet therapy. “Confagricoltura, insieme alle altre organizzazioni della filiera, ha presentato un progetto per lo sviluppo della coltivazione della canapa industriale (cannabis sativa),  coltura che ha anche un alto valore ambientale; è funzionale alla lotta al consumo di suolo ed alla perdita di biodiversità e si coniuga completamente con  i nuovi concetti di bioeconomia circolare. In tale ambito si è proposta l’adozione, su base volontaria, di un disciplinare di produzione dedicato all’infiorescenza di canapa coltivata in Italia, al fine di creare una filiera tracciabile e di qualità.
“Siamo in una fase delicata per la ripresa di un settore che contava 110 mila ettari a metà del ventesimo secolo e che oggi ne conta appena 5 mila e comunque in forte aumento rispetto lo scorso anno – ha detto Confagricoltura. Per questo, abbiamo sollecitato l’adozione di un quadro regolamentare della coltivazione della canapa poi consolidato dalla legge 242/16 (disposizioni per la promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa)”.
“L’auspicio – ha concluso Confagricoltura – è che la normativa recepisca al più presto le nuove opportunità di produzione e mercato che si stanno sviluppando.Nel frattempo con la redazione del disciplinare si intende supportare le nostre imprese nel cogliere nella loro interezza le opportunità che derivano dalla coltivazione della canapa industriale”.

FLASH

Le ultime

La conservazione della natura è donna: eletta la nuova presidentessa IUCN

I  componenti dell'Assemblea dell'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN),  hanno eletto Razan Khalifa Al Mubarak nuova presidentessa...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.