Natura e cultura celebrano la Giornata Europea dei Parchi
N

La striscia

I Parchi e le Aree protette costituisco un patrimonio unico e prezioso da vivere e da tutelare. Ieri si è festeggiata la Giornata Europea dei Parchi e si è rinnovata  l’iniziativa della Federazione Europea dei Parchi (EUROPARC) per ricordare il giorno in cui, nel 1909, venne istituito in Svezia il primo parco nazionale in Europa. In Italia i primi Parchi furono creati nel 1922: Gran Paradiso e Abruzzo.

Questa edizione della Giornata dei Parchi Europei 2018 si celebra nel corso dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale con lo slogan: “patrimonio culturale: è nella nostra natura. L’attenzione al Patrimonio Culturale caratterizza in modo particolare i Parchi e le Aree protette italiane che sono strettamente intrecciate con la popolazione e il territorio e che rappresentano spesso eccellenze non solo naturali o paesaggistiche ma anche storiche, artistiche e culturali.

“E’ stata un’occasione non solo di conoscenza, promozione ed esperienza delle bellezze naturalistiche delle Aree Protette – afferma il presidente Giampiero Sammuri – ma anche un momento per comprendere che i Parchi italiani sono una straordinaria occasione per un modello di sviluppo sostenibile. Un patrimonio collettivo che richiede la cura e l’attenzione di tutti i cittadini e di tutte le istituzioni.”

La celebrazione della Giornata Europea dei Parchi si sviluppa su più giorni, con un ricco programma di incontri, escursioni, mostre ed attività ambientali nelle aree protette. All’oggi sono oltre cento le iniziative segnalate e consultabili sul sito www.parks.it molte delle quali già avviate o che stanno per iniziare.

FLASH

Le ultime

Nobel Medicina 2022: chi è Svante Pääbo, lo svedese papà della paleogenomica

(Adnkronos) - Svante Pääbo, vincitore del premio Nobel per la Medicina 2022, è nato nel 1955 a Stoccolma...

Forse ti può interessare anche