“Uccidere un orso non è reato”: ma la Procura impugna la sentenza

I più letti

Il terzo giorno dell’Orcolat

Udine, domenica 9 maggio 1976 - Oggi è il terzo giorno dell'"Orcolat", come qui chiamano il terribile terremoto che...

Accordo Coripet – Anci per “Bottle to bottle”

L’intesa ha la durata di 12 mesi per poi passare a regime, per i Comuni sei euro...

Speranza: “A settembre tutte le scuole riapriranno in massima sicurezza”

"A settembre senz'altro le scuole riapriranno. Anche io sono padre di due bimbi che vogliono abbracciare i loro compagni...

L’Aquila – Il giudice del tribunale di Sulmona, il 10 di aprile 2018, mandò assolto un imputato reo d’aver ucciso a fucilate un esemplare di orso marsicano perché, come si legge nella sentenza, “uccidere un orso non è reato”. La motivazione del dispositivo aveva da subito destato perplessità e polemiche. Perplessità ora riconosciute anche dalla Procura Generale de l’Aquila che ha impugnato quella sentenza. Con soddisfazione degli animalisti, degli avvocati di parte civile ma soprattutto degli abruzzesi di Pettorano sul Gizio e dintorni. I quali si augurano che vengano ora accertate tutte le responsabilità e tengono a precisare che: “uccidere un orso è un grave reato ed un’offesa a tutti gli abruzzesi”. L’Associazione salviamo l’Orso marsicano nel rilanciare la notizia scrive: “Da fonte certa apprendiamo che la scorsa settimana la Procura generale di L’Aquila ha depositato l’appello contro la sentenza del Tribunale di Sulmona del 10 aprile scorso, sentenza che mandò assolta la persona che, nel 2014, era stata imputata per aver ucciso a fucilate un orso marsicano (specie particolarmente protetta dalle leggi italiane e europee) a Pettorano sul Gizio in Abruzzo. Salviamo L’Orso, insieme a WWF e LAV, si era costituito parte civile nel processo ed assieme alle stesse associazioni un mese dopo aveva presentato, tramite gli avvocati Elisabetta Ercole e Michele Pezone, al Procuratore generale della Repubblica presso la Corte d’Appello dell’Aquila e al Procuratore della Repubblica presso il tribunale di Sulmona una formale e dettagliata “istanza di impugnazione” della sentenza assolutoria. La decisione della Procura generale conferma che tutti i dubbi delle associazioni nei confronti della sentenza , rinforzati in seguito alla lettura delle sue motivazioni, erano quantomeno fondati. Siamo oggi soddisfatti dall’attenzione e dallo scrupolo dimostrati dalla Magistratura aquilana e convinti che il processo di appello possa finalmente chiarire la dinamica dei fatti e le responsabilità personali”.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Fondamentali per l’ecosistema, alleati degli agricoltori: “Non c’è da aver paura dei serpenti, non uccideteli”

Il Signore Dio disse alla donna:«Che hai fatto?».Rispose la donna:«Il serpente mi ha ingannata e io ho...

Nidi trafugati in Puglia: il ricco traffico di parrocchetti in mano alla criminalità

Alcuni giorni fa, a Molfetta, in provincia di Bari, due persone, già note alle Forze di polizia, sono state denunciate dai Carabinieri poiché sorprese...

Il bonus vacanze non basta: “Ha già rinunciato alle vacanze il 48% degli italiani”

Il commento dell'Unione Nazionale Consumatori sui dati Censis/Confcommercio "Dati allarmanti" afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando il rapporto Confcommercio - Censis. "Il fatto che...

Catturato accidentalmente uno squalo in Sicilia: “La pesca eccessiva minaccia la metà delle specie in Mediterraneo”

L'avvistamento o la cattura di squali nelle acque siciliane ha riproposto il tema della conservazione di questi predatori, cruciali per il loro...

La Sicilia sblocca le nomine, quattro parchi naturali hanno di nuovo i propri presidenti

Nominati i presidenti dei parchi Etna, Nebrodi, Madonie e Alcantara La giunta regionale della Sicilia ha sbloccato le...

Elba, Giglio e Giannutri: raggiunte 5mila firme per l’istituzione dell’area marina protetta dell’Arcipelago Toscano, ora si raddoppia

Un’Area Marina Protetta non è solo tanta bellezza ma anche ripresa economica: raggiunte le 5.000 firme per la petizione, si punta a...

Etichetta volontaria per le carni, presentata proposta di legge Muroni

Un sistema volontario di etichettatura in zootecnia per i prodotti di origine animale attraverso "una chiara tabella" che segue il metodo...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.