Dall’Islanda all’Elba: il viaggio delle orche non è poi così raro
D

I più letti

Il vino durante la pandemia: chiusi bar e ristoranti, vola ecommerce e grande distribuzione

“In futuro una delle sfide più importanti delle cantine sarà quella di modernizzarsi per adattarsi alle richieste di un...

La moda mette gli animali in prima pagina: dedicate a loro 7 copertine di Vogue

A un anno di distanza dal numero record del gennaio 2020 (realizzato senza scattare fotografie di moda, allo scopo...

Approvata la legge sull’agricoltura biologica in Senato: “Un passo verso l’agroecologia”

Legambiente: “Finalmente un passo determinante verso l’agroecologia in vista dell’approvazione definitiva. Si tratta di un importante traguardo raggiunto per...

La presenza di un’intera famiglie di orche (Orcinus orca) provenienti dall’Islanda al largo delle coste liguri – funestata purtroppo dalla morte di un cucciolo, è certamente qualcosa di eccezionale, così come è eccezionale il loro viaggio verso lo Stretto di Messina che ha costeggiato l’Isola d’Elba, come mostrano le immagini video di Luigi Lanera, diffuse qualche giorno fa.

Avvistamenti di singole orche – probabilmente giovani maschi in dispersione – sono stati tuttavia segnalati anche negli anni passati, compreso un maschio di orca avvistato negli anni ’80 nel Canale di Piombino da un team di subacquei guidato da Antonio Marino. In questi giorni poi stanno circolando numerose foto di avvistamenti di cetacei nel mare intorno all’Isola d’Elba e tra queste ce n’è una, scattata nel gennaio del 2019 dal pescatore Edoardo Mazzantini a circa 500 metri dal porto di Marciana Marina – proprio di fronte al tratto di mare dove è passata la famiglia di orche pochi giorni fa – che sembrerebbe proprio mostrare la lunga pinna dorsale di un’orca.

Mettendo insieme tutte queste segnalazioni – probabilmente destinate a moltiplicarsi con la disponibilità degli smart-phone – si capisce che la presenza di orche nel Mediterraneo nord-occidentale è certamente sporadica come ma non così eccezionale e rarissima come si pensava finora.
La stessa guida Fao sulla pesca del 1987 segnalava diversi avvistamenti lungo tutta la costa mediterranea tra la Spagna, Francia e Liguria tra la costa nord della Toscana e la Sardegna –  con al centro l’Arcipelago Toscano – e addirittura una cattura accidentale di un’orca in Sicilia.
Il nostro Santuario del Cetacei e il nostro Arcipelago hanno quindi spesso ospiti dei quali non bisogna aver nessuna paura: nonostante il loro terribile nome in inglese – killer whale, balena assassina – questi grandi, splendidi e intelligentissimi predatori non attaccano gli esseri umani e vivono in popolazioni con una complessa vita sociale e con culture differenziate – dominate da nonne matriarche in menopausa – che somiglia molto a quella umana, ma più pacifica.
In genere comunque, gli avvistamenti di fauna selvatica sono frequenti all’Elba, isola “capitale” del Parco Naturale dell’Arcipelago Toscano e cuore della Riserva MAB Unesco. Oltre alle balene, avvistate la scorsa estate, e ai delfini, ospiti frequenti del mare che circonda la costa, l’isola è stata scelta anche dalle tartarughe Caretta caretta che negli ultimi anni hanno scelto le spiagge elbane per deporre le uova.

Le ultime

La moda mette gli animali in prima pagina: dedicate a loro 7 copertine di Vogue

A un anno di distanza dal numero record del gennaio 2020 (realizzato senza scattare fotografie di moda, allo scopo...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.