Ventidue acri di foresta e 20mila alberi per il panda rosso: al via il corridoio verso l’India

I più letti

Piantagione per cellulosa, una carcassa di maiale come esca: ucciso da una tagliola giovane maschio di tigre di Sumatra

Dall'inizio dell'anno - spiega Greenpeace - è la seconda tigre ad essere ritrovata morta in una piantagione...

Fase 2, spiagge riaperte ma la capienza sarà a metà

(Adnkronos) Al mare senza mascherine e in massima sicurezza e già si respira aria di vacanze in molte località...

Fase 2, riapertura tra regioni a rischio?

(Adnkronos) Dopo la possibilità di spostarsi liberamente entro la propria regione senza autocertificazione, gli italiani aspettano di potersi muovere...

L’ottima notizia arriva dal Nepal e offre una speranza agli ultimi 2500 panda rossi che vivono in Asia

Ventidue acri, quasi nove ettari di terreno acquistati e sottratti alla conversione agricola, distretto dell’Ilam: è posto il primo tratto di un corridoio naturale di 32 ettari che dovrà unire alcune zone protette del Nepal all’India, con lo scopo di rompere l’assedio in cui si trovano gli ultimi panda rossi, ormai circondati dalle attività umane e impossibilitati a spostarsi.

Anche in tempo di pandemia e con perdite economiche che rendono incerto il futuro, il Parco Natura Viva di Bussolengo non interrompe il proprio sostegno al Red Panda Network e segna un doppio risultato per la conservazione di questa specie, che sopravvive in Asia con gli ultimi 2.500 esemplari: poco più a nord del corridoio forestale, è stato allestito un vivaio che produrrà 20mila tra piante e alberi autoctoni utili a ripristinare l’habitat degradato, offrire un’occupazione alla popolazione locale e ricostituire una casa per i panda rossi.

“Si tratta di un mammifero arboricolo – spiega Cesare Avesani Zaborra, direttore scientifico del Parco Natura Viva – che non può vivere senza la propria foresta. Le ragioni del declino del 50% di questi esemplari sono da cercare proprio nella deforestazione che solo nel 2018, ha strappato al Nepal 1.670 ettari di habitat (fonte Global Forest Watch), condannando i panda rossi a vivere in territori sempre più circoscritti e isolati”. E se la specie è già minacciata di estinzione secondo IUCN, questa situazione si prefigura come la vera e propria anticamera della scomparsa: “A causa della frammentazione – continua Avesani Zaborra – non solo le popolazioni diventano soggette a impoverimento della diversità genetica, ma diventa pericoloso per gli esemplari esporsi ad altre minacce quando sono costretti ad attraversare aree degradate alla ricerca di cibo”. Quello che per gli zoologi è l’Ailurus fulgens infatti è l’ultimo rappresentante della propria famiglia, non ha legami di parentela con il panda gigante e vive di una dieta costituita per il 98% da bambù. “Una pianta dal ciclo vitale molto lento, che non si ricostituisce facilmente in ambienti deteriorati ma che significa la vita, per questa specie”, conclude Avesani Zaborra. Finché l’allevamento di bestiame, le malattie portate dagli animali domestici, il bracconaggio, il commercio illegale e i cambiamenti climatici gli permetteranno di avere ancora una casa.

Nel frattempo al Parco Natura Viva, il bambù è assicurato per Maituk e Nyi-Ma, i due maschi di panda rosso che attendono l’arrivo di due nuove compagne.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Piantagione per cellulosa, una carcassa di maiale come esca: ucciso da una tagliola giovane maschio di tigre di Sumatra

Dall'inizio dell'anno - spiega Greenpeace - è la seconda tigre ad essere ritrovata morta in una piantagione...

Fondamentali per l’ecosistema, alleati degli agricoltori: “Non c’è da aver paura dei serpenti, non uccideteli”

Il Signore Dio disse alla donna:«Che hai fatto?».Rispose la donna:«Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato».Allora il Signore Dio disse...

Nidi trafugati in Puglia: il ricco traffico di parrocchetti in mano alla criminalità

Alcuni giorni fa, a Molfetta, in provincia di Bari, due persone, già note alle Forze di polizia, sono state denunciate dai Carabinieri poiché sorprese...

Il bonus vacanze non basta: “Ha già rinunciato alle vacanze il 48% degli italiani”

Il commento dell'Unione Nazionale Consumatori sui dati Censis/Confcommercio "Dati allarmanti" afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando il rapporto Confcommercio - Censis. "Il fatto che...

Catturato accidentalmente uno squalo in Sicilia: “La pesca eccessiva minaccia la metà delle specie in Mediterraneo”

L'avvistamento o la cattura di squali nelle acque siciliane ha riproposto il tema della conservazione di questi predatori, cruciali per il loro...

La Sicilia sblocca le nomine, quattro parchi naturali hanno di nuovo i propri presidenti

Nominati i presidenti dei parchi Etna, Nebrodi, Madonie e Alcantara La giunta regionale della Sicilia ha sbloccato le...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.