Ventidue acri di foresta e 20mila alberi per il panda rosso: al via il corridoio verso l’India

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

I più letti

L’ottima notizia arriva dal Nepal e offre una speranza agli ultimi 2500 panda rossi che vivono in Asia

Ventidue acri, quasi nove ettari di terreno acquistati e sottratti alla conversione agricola, distretto dell’Ilam: è posto il primo tratto di un corridoio naturale di 32 ettari che dovrà unire alcune zone protette del Nepal all’India, con lo scopo di rompere l’assedio in cui si trovano gli ultimi panda rossi, ormai circondati dalle attività umane e impossibilitati a spostarsi.

Anche in tempo di pandemia e con perdite economiche che rendono incerto il futuro, il Parco Natura Viva di Bussolengo non interrompe il proprio sostegno al Red Panda Network e segna un doppio risultato per la conservazione di questa specie, che sopravvive in Asia con gli ultimi 2.500 esemplari: poco più a nord del corridoio forestale, è stato allestito un vivaio che produrrà 20mila tra piante e alberi autoctoni utili a ripristinare l’habitat degradato, offrire un’occupazione alla popolazione locale e ricostituire una casa per i panda rossi.

“Si tratta di un mammifero arboricolo – spiega Cesare Avesani Zaborra, direttore scientifico del Parco Natura Viva – che non può vivere senza la propria foresta. Le ragioni del declino del 50% di questi esemplari sono da cercare proprio nella deforestazione che solo nel 2018, ha strappato al Nepal 1.670 ettari di habitat (fonte Global Forest Watch), condannando i panda rossi a vivere in territori sempre più circoscritti e isolati”. E se la specie è già minacciata di estinzione secondo IUCN, questa situazione si prefigura come la vera e propria anticamera della scomparsa: “A causa della frammentazione – continua Avesani Zaborra – non solo le popolazioni diventano soggette a impoverimento della diversità genetica, ma diventa pericoloso per gli esemplari esporsi ad altre minacce quando sono costretti ad attraversare aree degradate alla ricerca di cibo”. Quello che per gli zoologi è l’Ailurus fulgens infatti è l’ultimo rappresentante della propria famiglia, non ha legami di parentela con il panda gigante e vive di una dieta costituita per il 98% da bambù. “Una pianta dal ciclo vitale molto lento, che non si ricostituisce facilmente in ambienti deteriorati ma che significa la vita, per questa specie”, conclude Avesani Zaborra. Finché l’allevamento di bestiame, le malattie portate dagli animali domestici, il bracconaggio, il commercio illegale e i cambiamenti climatici gli permetteranno di avere ancora una casa.

Nel frattempo al Parco Natura Viva, il bambù è assicurato per Maituk e Nyi-Ma, i due maschi di panda rosso che attendono l’arrivo di due nuove compagne.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Birra artigianale e liquore aromatizzati ai fiori di canapa: lo studio dell’Università di Pisa

Sono il risultato di una ricerca dell’Università di Pisa realizzata con tre realtà del territorio; lo studio...

Morìa di pesci nel Tevere tra Castel Sant’Angelo e Ponte Milvio, chiesto l’intervento per salute pubblica

L'Oipa ha chiesto l'immediato intervento dela istituzioni per accertare le cause e mettere in sicurezza acque e sponde Strage di pesci a Roma. Centinaia di...

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il Parco: attenzione alle uova del...

Riapre il Museo delle Scienze di Trento e punta su giardino, orti e terrazzi outdoor

Il Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano e le sue sedi territoriali sono pronte ad accogliere nuovamente i visitatori in occasione...

Specie aliene, sta sparendo la biodiversità delle acque interne: al via il progetto per salvare la trota mediterranea

Pesca illegale, inquinamento, cambiamenti climatici, alterazioni dell’habitat, introduzione di specie aliene, è la dura vita dei pesci delle acque interne italiane. Arriva...

Strategia Nazionale Forestale, arrivate al Mipaaf 286 proposte di emendamenti

E’ terminata ieri la consultazione pubblica indetta dal Mipaaf per raccogliere proposte di miglioramento della bozza di Strategia nazionale forestale, documento...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.