Nessuna notizia di M49 al Casteller, Enpa chiede l’intervento del Ministro Costa
N

I più letti

L’Enpa chiede alla provincia di Trento di rispondere alle missive regolarmente inviate via PEC e riguardanti la possibilità di far accedere al Casteller due esperti individuati dall’Associazione al fine di osservare l’area in questione e documentare le condizioni di detenzione dei plantigradi ospitati. “Finora non abbiamo ricevuto nessuna risposta né per quanto riguarda l’accesso alla struttura né per quel che concerne l’accesso agli atti”, spiega in una nota l’Ente Nazionale Protezione Animali.
“Non comprendiamo questo silenzio a fronte di una legittima richiesta avanzata dalla nostra associazione. Gli orsi non sono una proprietà privata del Trentino, ma, come sancito dalla legge nazionale 157 del 1992, sono considerati beni indisponibili dello Stato, e quindi anche della comunità dei cittadini che rappresentiamo. Pertanto, abbiamo il diritto/dovere di verificare lo stato psico-fisico degli animali ivi detenuti, o quantomeno di ricevere una comprovata e reale spiegazione del perché non sia tecnicamente possibile farlo. In tal caso appare necessario ottenere la documentazione atta a stabilire le condizioni di entrambi gli orsi”.
“Già da diverso tempo – aggiunge Enpa – abbiamo richiesto tutti gli atti relativi alla cattura di M49, anche qui senza avere una risposta. Le poche notizie che si hanno, peraltro abbastanza confuse, parlano di un orso a cui si somministrano “medicine naturali” con l’obiettivo di renderlo calmo e mansueto – alterando l’indole selvatica ed elusiva che nel corso della precedente cattura aveva spinto M49 a scavalcare le recinzioni elettriche pur di riconquistare la libertà”.
“Siamo molto preoccupati per la sorte di M49: c’è chi propone persino di renderlo una attrazione per turisti, rinchiudendolo in nuovi “zoo-safari” locali, magari realizzati con finanziamenti pubblici. Ci chiediamo realmente cosa stia accadendo all’interno del Casteller, per richiedere tanta riservatezza, e anche per questo ci siamo rivolti al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa, chiedendogli come custode della biodiversità italiana di occuparsi di riportare a livello nazionale la gestione degli orsi, specie particolarmente protetta nel nostro Paese ma spesso vittima sacrificale per un mondo politico provinciale preoccupato solo dei consensi”.

Le ultime

Sutri, il sindaco Sgarbi tiene aperti i musei

E per domani pomeriggio convoca il Consiglio Comunale con all’ordine del giorno importanti provvedimenti E’ datato lunedì...

Magnesio nuovo “termometro” per studiare temperatura e variazioni del clima: la ricerca italo-australiana su Nature

L’Università di Pisa partner dello studio sull'Antro del Corchia in Toscana pubblicato sulla rivista Nature Communications C’è un...

Covid, Bambin Gesù: ecco come viaggia il virus nell’aria con un colpo di tosse

Riprodotta in 3D la dispersione di droplet e aerosol in un pronto soccorso. Calcolati gli effetti dei sistemi di aerazione. Lo studio...

Marco Mari è il nuovo presidente di Green Building Council Italia

Il Consiglio di Indirizzo di GBC Italia, composto dai neoeletti 24 membri, ha proclamato il 23 ottobre, con voto unanime, Marco Mari nuovo Presidente...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando spettacolo e attirando l'attenzione dei...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.