La martora tra i boschi d’Aspromonte: catturata dalla fototrappola
L

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

La fauna che popola i boschi d’Italia, anche quella più elusiva e specialista come la martora, viene allo scoperto e indica con la sua presenza quelle aree che ancora mantengono i propri habitat in equilibrio: è il caso dell’Aspromonte, dove le fototrappole installate nei punti più segreti della montagna hanno catturato le immagini di questo agile carnivoro dei boschi, parente stretto della Faina. “La martora è specie forestale per eccellenza – commenta il Direttore del Parco Nazionale dell’Aspromonte Sergio Tralongo – e frequenta aree cespugliate soltanto raramente, per la ricerca del cibo: si tratta dunque di un eccellente indicatore di buona qualità dei nostri ecosistemi forestali e della nostra azione di tutela”. Dalla Lista Rossa IUCN emerge che proprio a causa della scarsa osservabilità di questa specie, le sue condizioni di salute siano poco conosciute: la specie sembra molto meno adattabile della faina alle modificazioni ambientali provocate dall’uomo e il confronto dei dati storici di presenza sembra indicare un generale calo della popolazione in tutto il suo areale, probabilmente dovuto alla frammentazione degli ambienti forestali ed al generale disturbo provocato dall’uomo.

“Si incrementa l’inventario delle specie di interesse nazionale ed internazionale che popolano i boschi dell’Aspromonte”, dichiara il Presidente Giuseppe Bombino. Le attività di ricerca e di monitoraggio rappresentano una priorità del nostro Parco, non solo per la rilevanza scientifica delle osservazioni e delle indagini condotte, ma anche per le potenziali ricadute in ambito professionale e formativo. A questi aspetti – conclude Bombino – l’Ente riserva particolare attenzione attraverso la promozione e l’attuazione di tirocini, tesi di laurea, seminari, convegni ed iniziative divulgative, tesi ad aumentare la consapevolezza di come dalla Conservazione della Natura e della Biodiversità possano scaturire progresso e sviluppo socio- economico”.

“Le attività di ricerca del nostro Ente ci forniscono continuamente nuove informazioni sulle specie presenti in Aspromonte – spiega il Responsabile del Servizio Biodiversità e Territorio Antonino Siclari. Gli studi ed i monitoraggi ci consentono, inoltre, di programmare gli interventi di conservazione della Biodiversità da porre in essere per tutelare, in particolar modo, le specie più vulnerabili. Eravamo certi della presenza della Martora, dal momento che l’Area Protetta offre l’habitat idoneo a questo mesocarnivoro – conclude Siclari – tuttavia le immagini del bellissimo animale scattate dalle fototrappole, ci restituiscono l’istantanea del suo ambiente preferito, in cui l’animale può essere osservato senza disturbo”.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.